TUTTOMONTAGNA, mensile di informazione di appennino e dintorni

TUTTOMONTAGNA

SOMMARIO
n. 220 Marzo/Aprile 2017

 

 

cerca»

 

Tuttomontagna n. 163 di Novembre 2010

NON SOLO INGLESI: VANNO A RUBA I NOSTRI BORGHI

Invasione di Massa (e dintorni)

Appenninoproperties è il sito web creato da un gruppo di professionisti e sta spopolando tra quegli stranieri che per cambiare vita scelgono i nostri monti. Sono una ventina i nuovi toanesi provenienti da nazioni anglofone, tutti entusiati di ambiente e cucina, ma anche della sanità.

d.c.

 


WELCOME! Da sinistra, alcuni dei nuovi montanari: Graham e Claire Banks, Craig Sandiford, Cheryl Labuschagne e Tracey Connolly.

Ci sono persone che hanno progetti, lavorano con costanza, avendo ben chiaro il percorso per arrivare alla realizzazione dei propri scopi. Uno di questi è sicuramente Auro Bonicelli, un pioniere della nuova vita per la nostra montagna.
L’era della globalizzazione, tutti e tutto a portata di mondo, racchiusi in un clic. Basta accendere un computer e cercare quello che si vuole. Auro Bonicelli ha avuto per anni l’idea di cogliere l’opportunità e far vedere e vendere, visto che è il suo mestiere, il nostro patrimonio territoriale attraverso un mezzo così efficace, capillare e di facile fruizione. Il matrimonio fra l’utilizzo di questa formula e la realtà locale si è realizzato nello studio tecnico associato Accademia di Toano, unione di cinque studi indipendenti e nella società immobiliare Ellisse srl. Assieme ad Auro collaborano, in questi studi, i geometri Giovanni Ghirardini, Mauro Gazzotti, Carlo Mercanti e Claudio Cappucci. I soci di Accademia sono infatti titolari di una iniziativa online dal nome Appenninoproperties, il sito web che si sta trasformando nella reception del nostro Appennino. Se sei straniero e cerchi terreni o case in Appennino attraverso internet, optando per i motori di ricerca, vieni indirizzato sicuramente nel loro sito. Questo, almeno, è quello che hanno fatto tutti i nuovi cittadini toanesi che abbiamo incontrato. Persone fra i trenta e i cinquant’anni, economicamente realizzati, generalmente in coppia, tutti decisi nel dare una svolta alla loro vita, alla ricerca di nuovi panorami, natura e tranquillità. La maggior parte sono inglesi, ma non mancano belgi, sudafricani, canadesi, russi, svedesi e sudamericani.

REGISTI. Lo staff dello studio Accademia (foto Enrico Walz).

Sono circa venti i nuovi abitanti del comune provenienti da nazioni anglofone. La strada che li porta nei nostri territori è simile per tutti, da qualunque punto della terra arrivino. Trovatisi davanti al monitor il nome di un paesino, Toano, immerso nel verde ai piedi di un parco nazionale, ricco di case, cascine e poderi, luoghi e possedimenti immersi nella quiete e nella natura, sentono la necessità di capire dove sia collocato nella nazione questo piccolo comune. Tutti loro raccontano di essersi scontrati con una realtà inaspettata: l’Italia non è composta da un’unica regione chiamata Toscana. Esplorando la cartina scoprono l’Appennino reggiano. La letteratura classica, che tanto li ha fatti sognare il viaggio in Italia, non li ha preparati alla delicata pace di cui siamo scrigno.
Prendendo contatto con gli associati di Ellisse, inizia un percorso piuttosto lungo. In genere all’inizio il primo viaggio serve per un sopralluogo. Sono accompagnati da un collaboratore dello studio, madrelingua, a visionare le offerte che meglio si addicono alle loro esigenze. Nella media, fra un centinaio di possibili acquirenti solo una ventina decide di essere l’avanguardia della nuova “invasione anglosassone”. Conosciamone alcuni.
Cheryl Labuschagne è di Johannesburg, la città più popolosa del Sudafrica, e la seconda città più popolosa nell’intera Africa sub-sahariana. Cheryl ha eletto il nostro paese a dimora estiva. Perfetto rifugio per staccare la spina da un lavoro impegnativo in una città frenetica. Alla domanda “Cosa cambieresti dell’Italia ora che cominci a conoscerla meglio?” risponde che è qui non per cambiare gli italiani, ma per farsi cambiare da loro. Come tutti i nuovi venuti lei adora la nostra cucina, la giovialità e il modo di prendere la vita con una certa filosofia, la pace che infondono le vedute sui nostri monti e il clima, semplicemente perfetto.
Due cani, invece, furono alla base della scelta di Annemarie Azijn e Jan Willems, del Belgio. Tramite un blog specializzato in case e cani, cercavano un luogo tranquillo e dai panorami meravigliosi per vivere le loro passioni: gli animali e il contatto con l’ambiente. La loro fu una lunga selezione. Un peregrinare fra il Canada e la Francia, per valutare quale fosse il perfetto luogo magico, percorso che li ha portati infine in Italia. Le Marche e la Toscana furono la prima scelta fatta, soprattutto perché sono queste le regioni di cui maggiormente si conosce il profilo all’estero. L’incontro con il sito www.appenninoproperties.com ha spostato la loro attenzione verso le pendici del Cusna. Le proposte visionate contenevano esattamente quello che stavano cercando, dopo il girovagare per il mondo avevano finalmente trovato la risposta giusta alle loro necessità. L’intenzione che hanno è quella di aprire un bed and breakfast per una mirata élite di clienti, ma nei progetti c’è anche quello di creare percorsi per amanti del campeggio forestale. Affermano di voler collaborare con l’Amministrazione comunale e contribuire ad arricchire il sito www.comune.toano.re.it con le loro esperienze, per essere d’aiuto ai futuri nuovi cittadini. Nelle loro parole “il sindaco di Toano dice quello che fa e fa quello che dice” è racchiuso lo sforzo che Michele Lombardi sta facendo per agevolare e aiutare, con i pochi mezzi a disposizione, i nuovi venuti. Valutando la questione bisogna certamente ammettere che questa forma di “invasione” non può che portare benefici alla comunità, attraverso il giro di affari che si crea sia nelle fasi di compravendita, che conseguentemente al trasferimento di proprietà.


PRIMA E DOPO. La casa di Craig e Tracey a Massa.

Parole di elogio sono state spese anche per la nostra sanità, avendone purtroppo dovuto usufruire la coppia Claire e Graham Banks, proveniente dallo Yorkshire, antica contea del nord-est in Inghilterra. Oltre a una grande competenza si sono trovati in un ambiente ospedaliero a vera misura d’uomo, cosa che li ha piacevolmente sorpresi e di cui sono molto riconoscenti. Il loro futuro sarà fra i nostri borghi e la vitalità con cui affrontano la nuova direttrice che sta percorrendo la loro vita è veramente invidiabile. Entrambi commercianti, si dividono da cinque anni fra il loro paese e i nostri monti. Alla domanda di quale sia la cosa peggiore in cui si siano imbattuti, in questi anni, la risposta, che scopriremo corale, è la burocrazia indecifrabile e complicata, ma anche la guida opposta a quella abituale. Assolutamente inconcepibile è la formula, quasi giornaliera, del pagare ogni forma di tributo, un vero e proprio labirinto nel quale già diverse volte si sono persi. Veramente inusuale per le loro abitudini la possibilità di pagare alla Lottomatica alcune forme di tassazione, non riuscendo a capire bene se si stia giocando qualche numero in lotteria o versando oboli. Altri hanno menzionato nella lista dei nostri piccoli peccati l’indolenza. L’apatia e la rassegnazione con la quale prendiamo la vita li destabilizza, lasciandoli stupiti del fatto che un popolo fiero come il nostro non insorga di fronte a certi eventi. Tutto un discorso meriterebbe poi l’argomento preventivi e lavori di ristrutturazione. Sarebbero bastate le loro facce per descrivere alcuni piccoli incidenti di percorso con le maestranze del settore delle costruzioni e capire che alcune elasticità comportamentali delle quali ormai non ci accorgiamo più possano essere, agli occhi dei popoli anglosassoni, vere eresie.
Essendo da parte di stranieri quello dell’acquisto immobiliare, soprattutto di casolari e cascine, un trend in crescita, cerchiamo di capirne i perché. Centotrentunomila sono i link cui rimanda la ricerca di riviste che si occupano all’estero di compravendita di immobili in Italia. Analizzando i contenuti di queste pagine si possono trarre alcune conclusioni. Come per le altre nazioni dell’Unione Europea, l’Italia ha visto una crescita del numero di cittadini stranieri per gli acquisti immobiliari. Il mercato comune che si è formato con lo sviluppo della UE è considerato il motivo principale del perché vi sia tanta attività in campo immobiliare nei paesi dell’Unione. Una quantità significativa del movimento in relazione al settore coinvolge l’acquisto e la vendita di proprietà a scopo d’investimento. Non ci sono restrizioni reali sugli stranieri all’acquisto di un immobile in Italia di là da una tassa sulla compravendita e una un po’ più alta di registrazione. Questo vale per investimenti immobiliari, e per altri tipi di beni immobili in Italia. Molti stranieri si sono lasciati coinvolgere in questa baldoria di acquisto particolare. In effetti, in particolare le persone provenienti dall’UE hanno attivamente fatto l’acquisto di case e ville nelle zone rurali d’Italia per essere utilizzate come seconde case. Essi sono stati attratti dal facile andare e rilassante stile di vita paesana in Italia, cosa peraltro ribadita e rilevata da tutti i nostri intervistati.
Alla luce di questi ottimi risultati, nel comune si stanno attivando in questo senso altre realtà. Giovani ragazzi, che associando una buona conoscenza dell’inglese e un’ottima destrezza con le nuove tecnologie, stanno gettando le basi per un futuro all’insegna della promozione e valorizzazione dei nostri territori. E’ forse giunta l’ora per i toanesi di accorgersi che vivono in un paradiso e che se si cercano bene, le opportunità sono lì che aspettano persone ingegnose?
Un sottile filo di piacere e orgoglio ci coglie alla risposta data dalla coppia Craig Sandiford e Tracey Connolly, provenienti da Stansted, nell’Essex, a circa sessanta chilometri da Londra, e da tre anni cittadini toanesi. Chiediamo: “Di quale spot vi fareste portavoci per promuovere i nostri luoghi nel mondo?”. Con un meraviglioso sorriso e allargando le mani come se fosse la cosa più semplice da pensare, rispondono: “I love Toano!”.
d.c.

Sommario



Invasione di Massa (e dintorni)


La saga dei Tondelli: Nismozza nel cuore

web_partner www.lafotolito.eu