TUTTOMONTAGNA, mensile di informazione di appennino e dintorni

TUTTOMONTAGNA

SOMMARIO
n. 220 Marzo/Aprile 2017

»

 

 

cerca»

 

Detto tra noi...

Gli editoriali di Tuttomontagna

 

Se la musica non cambia

Numero editoriale: 138

 

di Giuseppe Delfini

- Recentemente Giorgio Morelli, “il Solitario”, cristallino esempio di partigiano e giornalista, ha ricevuto gli onori della cronaca e di qualche prima pagina. Si stanno inoltre preparando giornate di studio a lui dedicate. Chi gli ha sparato? Chi ha armato quella mano? Chi l’ha coperta per così tanto tempo? Se ne parlerà?
- Un episodio di folle violenza negli spazi di una scuola, una bomba sulla porta di una pizzeria carpinetana, una macchina bruciata a Toano, furti a raffica (anche negli spogliatoi di campi di calcio, come a Cerredolo), giro di prostituzione a Carpineti... e non scordiamoci altri eventi di un recente passato, come il razzo al “Montagna”, la raffica di incendi per noia, la deficienza che si fa carne la notte dei mondiali e infierisce bestialmente su un ragazzo, gli stupri per strada o nei bagni di locali. Qualcosa di inedito o diverso rispetto a ciò che avviene altrove? No. Nonostante le atrofizzate arterie di collegamento e l’adsl che arranca totonfando come un vecchio trattore, facciamo parte di uno stesso mondo. La teoria dei vasi comunicanti non è di ieri e tutto, prima o poi, arriva ovunque, acqua buona o sporca che sia. Anche però se un certo repertorio rientra nella casistica di vita purtroppo ormai “normale”, non dobbiamo perdere il senso della sorpresa (mai assuefarsi al brutto e al peggio) e dell’incavolatura. Non deprimiamoci, continuiamo a richiedere la massima sicurezza possibile e non arrendiamoci. Ognuno deve sudarsi il proprio spicchio di mondo migliore, stando attento e vigile a quello che accade intorno, alle cose che può fare per vivere e fare vivere meglio. Tutti poi dobbiamo pretendere (da noi stessi e dagli altri) il rispetto delle regole di una sana e civile convivenza. Tra le quali vi è quella che prevede che chi sbaglia deve pagare. Il tempo, i silenzi, le pazzesche lentezze della Giustizia e gli indulti non possono cancellare talune macchie. Si può migliorare dopo un errore. Soprattutto se lo si sconta secondo legge e buon senso.
- Solo i negozi sfitti del centro di Castelnovo ai giovani? Ma diamogli anche il Municipio, non solo contenitori vuoti. Vediamo molto bene la proposta di dare in gestione a chi sprizza idee e gioia di vivere gli esercizi commerciali a riposo. Chi ha lavorato e lavora con onestà in politica è da ringraziare, l’esperienza va valorizzata e il sapere, ad ogni livello, va diffuso. Però. Usciamo però da via della Scimmia e guardiamoci intorno. Facce, scene, riti, schemi: ben poco è cambiato rispetto a lustri fa. Siamo alla solita inascoltabile musica. Facciamo largo a qualcuno di più fresco e con altri repertori. Qualcosa di nuovo pare stia sbocciando a livello di realtà locali e di economia (furbetti del quartierino esclusi), ma in politica sono rari e fragili i segnali di novità. Non parliamo di singole persone (ce ne sono di belle), ma di sistema e panorama generale. Siamo ad un punto nel quale andare a votare per le “nazionali”, per i prossimi 15-20 anni, è completamente inutile. O quasi. Accontentiamoci di scorgere qualche cambiamento nelle almeno dieci legislature che sfileranno sino al 2028. Intanto, vogliamo esserne certi, una valanga di nuove leve, anagrafiche e mentali, inizierà a farsi spazio e ossa, magari partendo dall’utilizzo di negozi liberi, e qualche dinosauro si estinguerà. Nell’attesa, sorbiamoci le odierne modeste sfide e speriamo. Perché finché vivremo in una Repubblica bananifera, dove una qualunque sfigata giornata di Halloween conta e prende di più della Festa del Tricolore (per dire dell’alto senso dello Stato che circola), non ci resterà che sperare bene. E rimanendo sulla Bandiera: perchè nessuno ha mai valorizzato in sei anni la notizia, da noi lanciata riprendendo una ricerca scolastica, che il primo Tricolore è stato adottato al Fariolo? Era meglio parlare di zucche vuote?

 

 

Torna all'elenco degli editoriali

web_partner www.lafotolito.eu