TUTTOMONTAGNA, mensile di informazione di appennino e dintorni

TUTTOMONTAGNA

SOMMARIO
n. 220 Marzo/Aprile 2017

 

 

cerca»

 

Detto tra noi...

Gli editoriali di Tuttomontagna

 

Sempre giovane nel cuore

Numero editoriale: 160

 

di Michele Campani



La scomparsa del grande Romolo Fioroni, avvenuta la sera del 27 giugno scorso, fa calare un velo di profonda tristezza in tutti noi che abbiamo avuto la fortuna e il privilegio di godere della sua amicizia e dei suoi insegnamenti. Nello stesso modo in cui provoca dolore, però, questo distacco induce a riflessioni e a un ricordo talmente limpido – come tutta la sua esistenza lo è stata – che porta con sé un senso di pace. E di consapevolezza: quella di aver condiviso una parte di cammino con un Uomo speciale. Era il più anziano della famiglia di Tuttomontagna, nella quale era entrato meno di una decina di anni fa portando – lui che aveva fatto molte e grandi cose, che aveva conosciuto tanti illustri personaggi del secolo scorso – un immenso bagaglio di esperienza ma anche uno straordinario entusiasmo, quello che solitamente si osserva nei ragazzi. Credo che per Romolo Fioroni valga più che per chiunque altro quel bellissimo e celebre passaggio uscito dalla penna di uno che tanto tempo fa era stato suo amico e compagno di brigata nelle Fiamme Verdi, quel Solitario che di sicuro deve anche averlo ispirato in certi scritti: “Alla mia memoria renderete omaggio se vivrete, anche voi, come me, sempre uomini nella coscienza, sempre giovani nel cuore”.

Romolo amava questo giornale da molto prima di  cominciare a scriverci: me ne accorsi quel giorno che, ospite in casa sua al Monte di Costabona, quello stesso magico luogo che durante la guerra era stato quartier generale della Resistenza cattolica, Fioroni mi mostrò la sua collezione completa e perfettamente rilegata, anno per anno. Era parte integrante di un ricchissimo archivio bibliografico, fotografico e documentale raccolto per decenni e catalogato con cura ed estremo rigore. Rimasi sorpreso e fu quasi automatico che, alcuni giorni dopo, arrivasse sulla scrivania del direttore Delfini il primo pezzo a firma del grande Romolo. Una penna che i nostri lettori impararono ben presto ad amare ed apprezzare per l’autorevolezza e la generosità: nel corso degli anni regalò splendidi pezzi e pregevoli inchieste, prestigiose interviste e quel meraviglioso omaggio finale dedicato agli autori del Maggio, la sua grande passione. E’ stato un dono assolutamente consapevole, anche se era imprevedibile quella frustata della malattia che poi – come una tortura per uno che della parola e della scrittura era stato maestro per tutta la vita – lo avrebbe costretto al ritiro.

Era un uomo saggio Romolo Fioroni, e a lui ci rivolgevamo per i grandi consigli: anche nei momenti difficili sapeva distillare soluzioni e parole misurate, possedeva quel carisma che riesce a imporsi sussurrando. Era stato un ragazzo di battaglia quando la Storia glielo aveva richiesto, era poi stato un uomo di pace perché quella era la sua indole, e si è sempre adoperato per  unire, per ricucire le distanze, anche nell’impegno politico e amministrativo, anche negli incarichi pubblici come presidente dell’Alpi-Apc.

Abbiamo perso un amico e un maestro ma resta la sua lezione, restano i suoi scritti, alla montagna intera rimane, intatto e rinverdito, un patrimonio culturale come quello del teatro popolare tradizionale, il Maggio, che in Romolo Fioroni ha visto certamente uno dei più grandi cultori di ogni tempo. E resta una bella famiglia di montagna, di quelle che per fortuna ce ne sono ancora tante qui da noi, una famiglia normale ma straordinaria nell’attaccamento alle radici.

Hai avuto un bellissimo funerale, caro Romolo, amico e maestro, questo pensavo tornando a casa con ancora nelle orecchie quella struggente messa del maggerino che tu stesso hai scritto. Torneremo a trovarti: dal Monte di Costabona dove passò la Storia guarderemo insieme uno dei panorami più belli della nostra amata montagna. Da lì il mondo si vede meglio...





 

 

Torna all'elenco degli editoriali

web_partner www.lafotolito.eu