IN QUESTO NUMERO

N. 115
Agosto 2005

La Copertina
Il sommario


Personaggi
Vaglie: storia di Caterina, sordomuta felice di comunicare col mondo a mezzo fax e sms.


Attualità
Il mio canto libero: il mitico Mogol a cavallo a Pratizzano. Ecco la Grande cavalcata.


Speciale feste
Tutti gli appuntamenti prima di arrivare fino alla fine dell'estate.


Storia e Arte
Viaggio nel set di “Sopra le nuvole”, il film sugli eccidi del marzo 1944 tra cui Cervarolo.



I NUMERI ARRETRATI

N. 69
Giugno 2000

La Copertina
Il sommario


Attualita' ed Economia:
Cerreto dei contrari.

L'incredibile pellegrinaggio
del Prof. Regnani.


Feste e dintorni:
4° Celtic Folk Festival.

Alla scoperta dei Celti.

Il programma delle feste di paese dell'estate.

Nasce Festivaldenza.

Personaggi e Cultura:
Concorso di poesia dialettale

N. 70
Luglio 2000

La Copertina
Il sommario


Personaggi:
Carpineti: l'aceto balsamico di famiglia.

Si fa presto a dire Chernobyl

Sport:
Lodovico Tarabelloni a ruota libera.

C'era una volta l'"Amicizia"


N. 72
Settembre
Ottobre 2000

La Copertina
Il sommario


Speciale San Michele e Castelnovo:
Il nuovo marchio del Parmigiano Reggiano di montagna, formaggio buono anche col gelato

Nasce "Pregium", il consorzio per vendere direttamente il Parmigiano Reggiano montano

Sport:
Viano: intervista a Carlo Casoni, chef della Ferrari nei GP di Formula 1. "Dopo la partenza scappo in cucina". Curiosità, aneddoti e cosa mangiano gli assi del volante

Arte, Cultura e Tradizioni:
Ottant'anni fa il terremoto sconvolse l'Appennino. Il ricordo di chi c'era il 7 settembre 1920: "Ballavano gli alberi"

N. 73
Novembre 2000

La Copertina
Il sommario


Attualità e politica:
Sensazionale ricerca: il Parmigiano Reggiano è nato a Frombolara di Carpineti nel 1159

Speciale autunno:
Tradizioni e dialetto: l'albero della vita. C'erano una volta il castagno e il metato

Personaggi:
La storia di Daniele Ferrari, carabiniere vianese, straordinaria figura di militare e di uomo. L'eroe di Culquabert rifiutò la Medaglia d'oro ed entrò nella leggenda

N. 74
Dicembre 2000
Gennaio 2001

La Copertina
Il sommario


Personaggi:
Il sogno di Said El Khaouat, marocchino costretto a vivere in una roulotte: una casa vera dove accogliere la moglie

Felina: la splendida storia della vita di Anselmo "Gnik" Zanelli, partigiano, norcino e re della risata

Speciale Natale:
Antonio Pigozzi espone a Castelnovo i suoi presepi. La storia di un artista che regala emozioni

Storia, Arte e Cultura:
Al Fariolo sventolò per primo nell'ottobre 1796: da riscrivere la storia del Tricolore


N. 75
Febbraio 2001

La Copertina
Il sommario


Attualità e Politica:
Il bilancio anagrafico del 2000: 149 abitanti in più, i maschi superano le femmine. Collagna primo comune sotto i mille.


Personaggi:

Intervista esclusiva a Mara Redeghieri. La cantante degli Üstmamò: "Amo i timidi, la lentezza e questa terra un po' sfigata".

Castelnovo: tre Liliana Azzolini, un caso di quasi omonimia. Simili anche le loro storie.


N. 76
Marzo 2001

La Copertina
Il sommario


Attualità e Politica:
Parco nazionale al via: intervista esclusiva a Paolo Bargiacchi. Le isole a orologeria. La Lega Nord: "Se questa è democrazia...".


Volontariato e Solidarietà:

Castelnovo: al festival del rock, i giovani suonano per gli anziani. E vince il cuore.

Personaggi:
Casina: "Angiolina" Bonini svela i segreti di un'arte golosa, quella del croccante.


N. 77
Aprile Maggio 2001

La Copertina
Il sommario


Attualità e Politica:
La nostra inchiesta: alcol, droga e incidenti. Dall'allarme alle alleanze contro le devianze.
Osservatorio stradale: ben 11 morti sulle strade montane nel 2000.


Sport:

La febbre del Giro: la tappa del 27 maggio passa in montagna. Il percorso, la storia, le curiosità e le grandi rivalità.

Il Giro e i nostri eroi: piccoli gregari e grandi uomini: Nello Sforacchi, Pietro Partesotti e Lauro Grazioli.

Il Giro e i nostri eroi: finì per colpa di un pugno la carriera di Nunzio Pellicciari, ciclista di Baiso.


N. 78
Giugno 2001

La Copertina
Il sommario


Politica
I tre sindaci moschettieri: sogni e segreti di Carlo Fornili, Ugo Caccialupi e Felicino Magnani, premiati dal voto a Casina, Collagna e Villa Minozzo.

Sport
Prende il via la cinquantesima edizione del Torneo della Montagna: gironi, calendario, novità e indiscrezioni. Borzanese squadra da battere.

Arte, cultura e tradizioni
Sulle orme del primo starolo: sensazionale ricerca sul piatto che i modenesi ci hanno "rubato".


N. 79
Luglio 2001

La Copertina
Il sommario


Personaggi
Intervista a Giovanni Lindo Ferretti. L'organizzatore di "conFusion&" racconta il festival e la sua montagna: "Siamo fermi a ieri".

Speciale Estate
Il calendario degli appuntamenti in Appennino fino alla vigilia di Ferragosto.

Sport
Le "nazionali" del "Montagna": i migliori giocatori di sempre selezionati da 5 miti viventi.


N. 81
Settembre
Ottobre 2001

La Copertina
Il sommario


Agricoltura e volontariato
Intervista al dr. Franco Viappiani, nuovo direttore del distretto sanitario.

Genetica alla carpinetana: la Dumeco Breeding, moderna azienda di selezione dei suini, investe quasi 9 miliardi a Campovecchio. Intervista ai responsabili.

Sport
Una vasca, ma pure tronchi, frigo e slitte, al via della gara di carrettelle a Monchio di Felina.


N. 82
Novembre 2001

La Copertina
Il sommario


Attualità
Castelnovo: presentato il progetto per la città dello sport. Piscina, centro fitness e albergo: un intervento da 7 miliardi per un puzzle tra pubblico e privato.

Canossa: intervista esclusiva a Michele Curti. Mucca pazza gli ha sterminato la stalla, ma lui riparte a 64 anni: "Non mollo".

Personaggi
La lista di don Enzo Boni Baldoni: l'eroico prete di Quara salvò numerosi ebrei, il suo nome inserito nella stele dei "Giusti fra le Nazioni".

Rubrica
Un mese di notizie sui giornali. Rassegna stampa.


N. 83
Dicembre 2001 Gennaio 2002

La Copertina
Il sommario


Attualità
Castelnovo: va in tribunale la vicenda della casa del senatore. La "guerra" Giovanelli-Herman sulla striscia della discordia.

Parmigiano Reggiano: Tabiano vince il tricolore a Saint Vincent.

Personaggi
Casina: l'insolita collezione di ferri da stiro di Romano Ghirelli. Ne ha più di 500, di tutto il mondo: il più antico ha cinque secoli.


N. 84
Febbraio 2002

La Copertina
Il sommario


Attualità
Il bilancio anagrafico montano del 2001: +196 abitanti. A Ligonchio solo tre nati. Collagna torna sopra i mille. Tracollo a Villa.

Arte, storia e personaggi
Baiso: il giovane Simone Cassinadri racconta la sua battaglia contro la leucemia. "Ho vinto la malattia, adesso mi sposo".

Una suora nella Resistenza: il Sant'Anna e la montagna intera piangono la scomparsa di suor Paola Nervi. Fu al fianco di Marconi, finì anche in carcere, ma non si piegò. Una vita nel nostro ospedale.


N. 85
Marzo 2002

La Copertina
Il sommario


Attualità
Argentina: linea diretta con una famiglia arrivata a Casina e una a Buenos Aires di origini montanare.

Speciale Pasqua
Lo scusìn, 8mila uova di festa: l'immortale tradizione pasquale raccontata dalla sua regina, Anna Corbelli.

Il mistero delle confraternite nelle tradizioni religiose pasquali. Dalla veccia di Talada alla processione del Cristo morto di Cervarezza. Una ricerca della terza elementare di Busana.


N. 86
Aprile/Maggio 2002

La Copertina
Il sommario


Attualità
Viaggio esclusivo a Valbona, dove numerose giovani famiglie vivono di agricoltura a oltre mile metri di quota. Il paese degli animali è un piccolo Paradiso.

Speciale resistenza
Storia della staffetta Imelde "Noris" Campani, coraggiosa eroina della guerra di liberazione. Un ricordo autobiografico e le testimonianze di chi salvò dalla morte.

Storia, arte e tradizioni
Vetto: l'osteria come palco. I fratelli Olmi incidono storici canti popolari.


N. 87
Giugno/Luglio 2002

La Copertina
Il sommario


Attualità
Villa Minozzo: la storia di Terry, bimba malata di autismo ma dal sorriso solare. L'affetto della famiglia, i diversi metodi di cura, un'associazione e l'opera di sensibilizzazione.

Intervista a Tarcisio Zobbi, numero uno del Parco nazionale: "Nessun rischio di immobilismo. Aggiusteremo i confini. Due sedi operative, qui e in Toscana".

Estate e Personaggi
Baiso: Fiorettino vincente. Il 9 giugno la Pro loco organizza la prima gara del salame tipico delle nostre zone. E Tuttomontagna scopre le origini del nome.

Marola: grana d'autore con i fratelli Rossi. I ventenni Samuele e Sebastiano conducono un caseificio artigianale.

Villa: la storia del 99enne Olinto Battistelli, scarpulîn ma non solo, che ha trascorso tutta la vita al Trëg di Morsiano.


N. 88
Agosto 2002

La Copertina
Il sommario


Attualità
La sfida di Ramiseto: intervista al sindaco Francesco Zambonini sui progetti che stanno ridando fiducia ed entusiasmo al comune del crinale.

Ramiseto è meglio di un titolo di studio: la storia di Simona Mortari, innamorata del suo paese.

Festestate
Le feste in Appennino: TUTTO IL CALENDARIO ESTIVO

Minozzo la millenaria: la Pro loco e i suoi costumi fanno rivivere una realtà antica di secoli.

Arte, storia e personaggi
Viva il parroco: nel 40° di ministero a Cavola, il 4 agosto si festeggia don Raimondo Zanelli.


N. 90
Ottobre 2002

La Copertina
Il sommario


Attualità e solidarietà
Castelnovo: il nuovo Prg guarda alle frazioni. La parola a sindaco e opposizione.

Storia cultura e personaggi
Più unica che rara: viaggio a Casale di Talada sulle tracce dell’erba robbia.

Campione e Sansone: Domenico Gariselli, primo di forme e formaggio.


N. 91
Novembre/Dicembre 2002

La Copertina
Il sommario


Personaggi, storie e tradizioni
Cento anni e mille gag: il primo secolo di vita di Carolina Caldiani di Regnano.

Un giorno con Maurizio Giansoldati e Domenica Magliani, gli ultimi pastori di Ligonchio.

Sole di Vetto: in un reportage a colori, l'odissea di Neo Ruffini, reduce della steppa.


N. 92 Gennaio 2003

La Copertina
Il sommario


Volontariato e società
Castelnovo: intervista a Fulvia Baccini, tra Global Forum, pace e problemi mondiali.

La vita eccezionale di Caterina Bertolini, dodici figli e un grande cuore.

Ramiseto: io e gli struzzi. Viaggio nell'allevamento di Cristina Fontanili.

Caso Pieve: parlano don Evangelista Margini e l'architetto progettista Giorgio Bertani.

N. 93 Febbraio
Marzo 2003

La Copertina
Il sommario


Attualità
Un sogno realizzato: Davide Gigli fa il pastore a Gazzano. Una passione nata da piccolo e condivisa dalla moglie Barbara.

Il bilancio demografico del 2002: montanari in aumento, toccati livelli di 30 anni fa.

Gli interventi della Provincia a Cecciola e Laticola.

Gatta-Pianello: interviste esclusive con Roberto Ruini e Felicino Magnani.

Personaggi
Casina: si racconta Francesca Filippi, istruttrice di volo a soli 21 anni.

N. 94 Aprile 2003

La Copertina
Il sommario


Società, Scuola
e Attualità

Castelnovo: l'originale idea di Fabio Mammi. Casse da morto personalizzate con la Pietra o il cappello da alpino.

Immigrazione e
dintorni: il forum
di Tuttomontagna. Tavola rotonda Pignedoli-Tamagnini-
Grisanti. Interventi di Tonino Ndoci e Alessandro Davoli.

N. 95 Maggio 2003

La Copertina
Il sommario


Attualità e volontariato
La Regina del Sahara è Rosy Manari da Busana, che da due anni trionfa nella maratona del deserto

Cervarezza: sulle tracce di Indiana Jones, nasce il “Parco Giocavventura”.

Personaggi storia e cultura
Rivelazioni shock di mons. Nando Barozzi: “Eravamo armati e pronti a fermare il colpo di stato dei comunisti”.


N. 96 Giugno
Luglio 2003

La Copertina
Il sommario


Scuola, Attualità e Volontariato

Il centenario Unitalsi: a Castelnovo oltre 400 iscritti. Il pellegrinaggio dei bambini.

Villa Minozzo
Vita nuova al canile
Ora non piangono più


Arte e Personaggi

Dialetto e tradizioni: amarcord fistïe e schìz, i giochi di una volta comprati... nel bosco.

Lo Sport in Appennino

Il 52° Torneo della Montagna girone per girone: Baresi e Padovano le star, Casina, Cola, Gatta e Baiso le favorite.


N. 97 Agosto 2003

La Copertina
Il sommario


Speciale feste
Tutte le feste dell'estate in Appennino

Volontariato e Società
Intervista a Ketty Agnesani, originaria di Villa, una delle "colonne" di Emergency

Tra Carpineti e Lourdes: incontro con don Guiscardo, Cappellano della Grotta

Sposini in fuga dalla città: con Marco e Clizia, dopo 15 anni un matrimonio a Gottano

Arte e Storia
Dialetto e tradizioni: la galleria sotto la Torre dell’Amorotto avvicinò Civago al resto della montagna. Il racconto di chi ci lavorò

N. 99 Ottobre 2003

La Copertina
Il sommario


Attualità e Società
Alla Columbia University di New York si studia il Maggio. Intervista a Jo Ann Cavallo.

Speciale Fiera
Castelnovo: albergo e piscina nuovi, teatro, Centro fiera e Prg. Intervista al vice sindaco Gianluca Marconi.

Storia e Cultura
L’aereo dei misteri si schiantò sul monte Ca’ di Viola nel ‘44: caccia al relitto.

Svuotato il lago di Gazzano: le foto dell’evento e la storia della diga di Fontanaluccia.

N. 100
Novembre Dicembre
2003

La Copertina
Il sommario


Attualità e Società
L’agricoltura salva-montagna: fotografia del comparto nel nostro territorio.

L’ex vescovo mons. Gibertini ha scelto la tomba: sarà sepolto in chiesa a Ciano.

Storia, Arte e Personaggi
Episodio alla don Camillo a Cereggio nel dopoguerra: come nel film, don Narciso affrontò il suo “Peppone”. Megafoni interrotti dalle campane.

Al lavoro nelle viscere della terra: i sopravvissuti raccontano l’epopea degli emigranti montanari verso le miniere del Belgio.

N. 101
Gennaio
2004

La Copertina
Il sommario


Speciale Teatro
Tiffany addio, ecco il Bismantova. Il rush finale nelle parole di Gianluca Marconi.

Personaggi e Società
Cinque generazioni in festa a Castelnovo: da Iride Ugoletti a Nausicaa Ciano, 96 anni dopo.

L’epopea dell’Andrella: vezzanesi per 20 anni al lavoro sulla strada della Val d’Enza. Una storia di grandi sacrifici raccontata dai protagonisti e dallo straordinario geom. Giacomo Nicoli.

Lo Sport in Appennino
Quando il prete va in panchina: la passione per il calcio di don Daniele a Cinquecerri.


N. 102
Febbraio/Marzo
2004

La Copertina
Il sommario


Attualità, Economia e Politica
Il bilancio demografico del 2003: la popolazione aumenta in tutti i comuni tranne Villa. Compreso Ligonchio, dove l'aquila fa la cicogna. In tutto siamo 44.332.

Volontariato e Società
Da Baiso a Sydney scoprendo il mondo e la terra dei canguri. E anche l'amore. Robby Borghi si racconta.

Personaggi e Tradizioni
Casina: a due mesi dalla scomparsa, la vita di Angelo Filippi, sempre presente ai grandi appuntamenti con la storia del secolo scorso.


N. 103
Aprile
2004

La Copertina
Il sommario


Lavoro, Attualità e Politica
“Il caporalato? C’è anche qui da noi, a Felina, per esempio”: intervista a Dusca Bonini della Cgil sul declino di Cipputi.

Casa Giovanelli story: tolta la striscia contestata. Clamorosa decisione dell’ex Catasto che stralcia i famosi 66 mq.

Storia e Personaggi
Dolce amarcord in America Latina per Iva Zanicchi. Parla della guerra e di quand'era bambina: “E ritrovai papà”.


N. 104
Maggio
2004

La Copertina
Il sommario


Attualità, Scuola e Volontariato
Africano di un don: il grande cuore di Viano abbraccia padre Marco Canovi e gli amici ugandesi del Karamoja.

La carica degli arrabbiati: Basta bla-bla! Parco nazionale: la protesta del Comitato. Lo sfogo di Bucci sulle colpe di Giovanelli e di Castelnovo per i ritardi.

Speciale: la Guerra e Noi
Il drammatico salvataggio del comandante Barbolini nella testimonianza di Otello Togninelli.

Due storici e rari documenti sul martire di Cervarolo don Battista Pigozzi.

La guerra di nonno Paolino vista con gli occhi della 14enne Clara.


N. 105
Giugno/Luglio
2004

La Copertina
Il sommario


Attualità e Politica
E’ arrivato Josuè: dopo 33 anni, un neonato a Casello Vecchio di Roncaglio.

Feste, Tradizioni e Personaggi
Succiso: la favola di Albaro, sullo scuolabus rosso per le vie del paradiso.

Cervarezza: la Russia infernale dell’alpino Andrea Romei, il marconista primo a sapere della ritirata.

Lo Sport in Appennino
Il 53° Torneo della Montagna girone per girone: il Cavola punta a un tris mai realizzato finora, agguerrite le 20 rivali, con Gatta, Cervarezza, Baiso, Borzanese e Roteglia in pole-position. Juniores in crisi: solo sei squadre iscritte. Tutti gli albi d’oro e le ultime di mercato.


N. 106
Agosto
2004

La Copertina
Il sommario


Attualità e Politica
Tutti per super Michi: la scuola e gli altri protagonisti della battaglia per la vita di un bambino di 10 anni.

Nostra inchiesta esclusiva: abbiamo trovato Merlin Hueppchen, copilota del B-25 americano precipitato nel 1944 vicino a Frassinedolo ospitato da don Vasco Casotti insieme a due connazionali.

Idee a duello sulla pista che scotta: parlano Felicino Magnani e Benedetto Valdesalici.

Storia, Tradizioni e Personaggi
Film, moto e solidarietà: intervista a Chicco Salimbeni dopo lo strepitoso successo del corto “L’Intoccabile”.

N. 107 Settembre
N. 108 Ottobre
2004

La Copertina


N. 109
Novembre-Dicembre
2004

La Copertina
Il sommario


Attualità e Politica
Bisturi e cuore: 138 interventi per Anna Ghirardini e gli altri medici. Da Toano in Tibet.

Franchi e Leoncelli fuori dagli schemi: no a poltronismo e potere dei pochi.

Lo Sport in appennino
Formula Uno in miniatura: il carpinetano Marco Donadelli piccolo Schumi del telecomando.

N. 110
Gennaio 2005

La Copertina
Il sommario


Società, Scuola e Politica
La zuppa degli dei: boom a Casale per un antico cereale. Luca Valentini coltiva il farro.

Al via la Comunità montana dell’era Pignedoli: gli incarichi, le intenzioni, le curiosità e le prime critiche.

Speciale Natale
Il presepe vivente dei bambini a Bebbio: tutti al lavoro, ma in scena solo giovanissimi.

Storia, Arte e Personaggi
Ciano: sempre più in alto il canto di Mikela. Nel nuovo cd anche la firma di Strabba.

N. 111
Febbario Marzo 2005

La Copertina
Il sommario


Volontariato e Società
Un secolo per ritornare: la magnifica epopea della famiglia Frossiani, dal capostipite Achille che lasciò Civago per l’Argentina al pronipote Jorge tornato con genitori, moglie e figli.

Attualità
Quanto ci costa quella fascia? Nostra inchiesta su paghe e gettoni degli amministratori.

Speciale Resistenza
Al servizio di Dio e dei fratelli: vita e guerra del martire don Pasquino Borghi.

Lo Sport in Appennino
Carpineti: l’impennata da fuoriclasse del 19enne Matteo Bonini che debutta nel Mondiale Mix 2 di motocross.

N. 112
Aprile 2005

La Copertina
Il sommario


Attualità e Politica
Ok, il piatto è giusto: incontro con Maria Grazia Nibali, “giurata nutrizionista” in tv con la Zanicchi a “Il Piattoforte”.

La guerra del latte: Ferrarini, Gazzolo, Cavola e gli altri caseifici a caccia dell’oro bianco. A Vetto chiude Groppo.

Speciale Storia
Cinquant’anni fa a Colombaia assassinati Munarini e Rossi: tutta la vicenda e l’analisi di quel periodo fatta dall’on. Danilo Morini.

N. 113
Maggio 2005

La Copertina
Il sommario


Attualità
Cinque Terre, dove il Parco funziona c’è al centro l’uomo. Nostra intervista al presidente Franco Bonanini

Scuola e Volontariato
Arriva Milly, un aiuto a prova di latte: dalla scuola elementare di Migliara una mucca per il progetto Hanga in Tanzania

Storia e Personaggi
Dal coma alla laurea: la storia coraggiosa di Alessia Tacconi, ex promessa dello sci

Speciale 25 Aprile
Violenza e ricerca: intervista allo storico Massimo Storchi sulla Resistenza

N. 114
Luglio 2005

La Copertina
Il sommario


Giovani e Scuola
Tutti a Colonia! In vista della Giornata mondiale della gioventù, nostra inchiesta fra i giovani. “Saremo più di 100!”


Speciale Turismo
Mille feste. Anche per te: tutti gli appuntamenti in Appennino fino a metà luglio

Ligonchio: successo per la 1ª Festa del salame


Storia e Personaggi
Inchiesta: la tradizione del “pom ross” di Temporia

In 40 da Genova a Cortogno per commemorare il martire Settimo Giudici


PARCO DELLE CINQUE TERRE/IL PRESIDENTE

L’uomo deve essere centro e protagonista

Comodati d’uso per terreni e borghi, negozi e stazioni trasformati in punti informativi, una card per viaggi e servizi... e pacchetti di proposte. Parla Franco Bonanini.

di Armido Malvolti

IDEE VINCENTI
Franco Bonanini, presidente del Parco nazionale delle Cinque Terre.

Per capire i meccanismi di questo Parco - che funziona - e farli conoscere ai nostri lettori, abbiamo incontrato a Riomaggiore il presidente Franco Bonanini, alla guida dell’Ente dal dicembre 1999, e il suo collaboratore Doriano Franceschetti, ai quali abbiamo rivolto parecchie domande, ottenendo tutte le risposte che andavamo cercando. Ne è uscito un quadro che giudichiamo interessante non solo per i lettori di questo giornale, ma anche, crediamo, per i nostri amministratori e politici.
Presidente Bonanini, si può affermare che intendete il Parco come recupero storico, salvaguardia di un ambiente e base per un nuovo sviluppo?
“Essenzialmente sì. La nostra storia, la nostra cultura, le nostre tradizioni ci insegnano come operare, come individuare obiettivi che, senza penalizzare il territorio, ricreino le condizioni per svolgere attività che sono il nostro marchio di qualità da sempre. Lo definiamo il parco dell’uomo soprattutto perché intendiamo che sia l’uomo al centro di tutto, un uomo protagonista positivo sia quando svolge mansioni di salvaguardia del territorio in cui opera e vive, sia quando trae vantaggi dal proprio operare in quanto soggetto che produce beni e ricchezze”.
Pare quasi che qui si sia usciti dai canoni: non è il privato che soffre dell’inefficienza del pubblico, ma è il pubblico che stimola il privato.
“Sì, siamo in controtendenza. Abbiamo cercato di stimolare la creazione di una microimprenditoria che trae linfa da uno sfruttamento intelligente della risorsa ambiente-turismo. Il Parco si è posto al servizio di questa idea e la porta avanti incentivando il privato, singolo o associato, a mettersi in gioco. Così salvaguardia e recupero diventano molla di sviluppo con la creazione di nuove occasioni di lavoro”.
All’inizio come ha reagito la gente?
“C’era già il Parco regionale e questo ci ha facilitato il compito. Comunque, far passare l’idea di un diverso utilizzo del territorio non è stato semplice per svariate ragioni, compresa la frammentazione della proprietà. Si trattava di far capire che il progetto leader del Parco - tutto il resto vi ruota attorno - persegue la difesa del nostro territorio attraverso il rovesciamento del rapporto uomo-ambiente. Da qui la scelta di frenare e invertire l’esodo con il ripristino dei terrazzamenti abbandonati. I proprietari sono diventati gli interlocutori del Parco, abbiamo spiegato nei dettagli i nostri intendimenti, chi ancora lavorava la terra è stato aiutato, agli altri, i proprietari di terreni dismessi, abbiamo proposto di mettere il proprio terreno a disposizione del Parco”.
In concreto cosa significa: è una specie di esproprio?
“No, nessun esproprio. Abbiamo acquisito i terreni abbandonati in comodato d’uso per vent’anni”.
Il Parco cosa ne fa?
“Subito ha puntato su di un progetto molto ambizioso che andava sotto il titolo ‘Adotta un vigneto’; poi abbiamo capito che potevamo mettere in movimento meccanismi di lavoro nostro, così abbiamo creato delle cooperative formate soprattutto da giovani. E’ così cresciuta una forte attenzione attorno alle prospettive legate alla valorizzazione e al recupero dei terrazzamenti. Anche le produzioni si sono diversificate: vino, ma anche olio e altri tipici prodotti liguri come il basilico. Del resto, se andiamo indietro nel tempo scopriamo che qui si produceva addirittura il gelso. Le difficoltà maggiori sono derivate dalla frammentazione delle proprietà. Il primo progetto di recupero di terre incolte interviene su 16 ettari scelti in una zona molto importante, esposta al sole in modo ottimale. Ebbene, quei 160mila metri facevano capo a circa 4.000 proprietari”.
Questi terreni rimarranno al Parco per sempre?
“No. La nostra speranza è che dopo la terra torni ai proprietari o agli eredi, magari a qualcuno che oggi è solo un bambino o un ragazzo, così da ricreare quel tessuto economico e sociale che esisteva una volta”.

FUNZIONA!

Stimolata la microimprenditorialità. Storia di un Parco che ha la stessa età del nostro.

Un Parco che funziona! Non è uno slogan creato ad hoc ma la sintesi che occhi e cervello hanno prodotto per noi al termine di una visita e di un incontro. La visita è al territorio del Parco nazionale delle Cinque Terre, in provincia di La Spezia; l’incontro è con il presidente e un suo collaboratore. Stiamo parlando di un qualcosa che sta appena dietro l’angolo: 105 km da Castelnovo Monti a Riomaggiore; 70 dal Passo del Cerreto, confine emiliano del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano, alla galleria oltre La Spezia che spalanca la porta del Parco delle Cinque Terre. Lo ha istituito la legge 394 - la legge dei Parchi - la stessa che ha fatto nascere il nostro. Il Parco delle Cinque Terre ha un’estensione di 4.000 ettari, incorpora il territorio dei comuni di Riomaggiore, Vernazza e Monterosso e piccole parti dei comuni di Levanto e La Spezia; ha una popolazione residente di 5.000 abitanti. Ciò che colpisce il visitatore, sia che arrivi dal mare che via terra o in treno, sono i versanti scoscesi che degradano verso il mare, solcati dai geometrici muri a secco costruiti dall’uomo con un lavoro millenario, muretti che modellano il territorio creando piccoli e in qualche caso minuscoli pezzi di terra coltivabile in cui crescono rigogliosi i bassi pergoli delle viti. E’ un paesaggio impressionante, unico al mondo, iscritto dall’Unesco nei beni appartenenti al patrimonio mondiale dell’umanità, prodotto dalla creatività dell’uomo che è stato capace di ricavare dalle difficoltà dell’ambiente naturale le opportunità per un’agricoltura del tutto speciale. E’ un’opera d’arte che tutto il mondo invidia, frutto di un’intenzione progettuale durata più di mille anni e che è servita per tenere insieme, in un’unica visione, le ragioni dell’abitare, del produrre e del fare comunità. Le difficoltà di accesso e di trasporto dei materiali sono state superate inventando un modo di costruire in cui gli unici materiali utilizzati sono stati i sassi, abbondanti lungo i ripidi versanti, e la terra su cui impiantare attività agricole di tipicità e unicità assolute. Così, senza leganti, senza apporti di materiali portati da fuori. Per capire meglio sia l’intuizione che il sacrificio delle popolazioni giunte qui dalla Val di Vara, può servire ricordare che la prima strada asfaltata è stata costruita oltre la metà del secolo scorso e la ferrovia pochi decenni prima. Per secoli l’uomo è stato capace di mantenere un equilibrio perfetto e in questo è ricompreso anche lo specchio d’acqua prospiciente le Cinque Terre, area marina protetta dal 1997. Poi, qualche decennio addietro, questo equilibrio secolare ha cominciato a mostrare le prime crepe, il progresso è giunto anche qui a mettere in discussione canoni produttivi e di vita apparentemente non compatibili con il vivere moderno. E’ iniziato l’esodo, la popolazione addetta alle attività agricole, al controllo e al ripristino è diminuita di numero e invecchiata. L’intelligenza dell’uomo aveva creato un sistema perfettamente funzionante e duraturo nel tempo, bisognoso però di attenzione costante per canalizzare le acque piovane così da ridurre i loro effetti dilavanti, per ricostruire immediatamente i muretti caduti, per contrastare il riemergere della boscaglia. Tutto ciò non poteva prescindere dalla presenza dell’uomo, pena lo stravolgimento di un equilibrio secolare. Si può tranquillamente affermare che il rischio è stato avvertito ben aldilà delle Cinque Terre, prova ne sia che quel territorio è stato inserito dal World Monument Fund nella lista dei cento siti a rischio di scomparsa per il dirompente abbandono delle terrazze coltivate. Anche il Dipartimento Polis della facoltà di Architettura di Genova, in collaborazione con altri Enti, è intervenuto con uno studio che si è posto come obiettivo principale la tutela del paesaggio e la conservazione integrata del territorio, facendosi orientare da una strategia mirata al consolidamento e alla manutenzione dei muri a secco a sostegno dei terrazzi. Gli amministratori locali, le forze politiche e sociali, hanno avuto l’intuizione geniale di vivere l’opportunità del Parco nazionale come elemento di svolta per conseguire due obiettivi principali e uno derivato: salvaguardare l’ecosistema e rimettere in moto le produzioni agricole al fine di ricreare le condizioni per la presenza dell’uomo, soprattutto dei giovani, su tutto il territorio. Non per nulla ogni pubblicazione fatta a cura del Parco ha come marchio di qualità il motto il Parco dell’uomo. Questo il quadro, o, se vogliamo, la base di partenza, senza la quale sarebbe difficile capire cosa si sta facendo in quei luoghi e in che misura ciò che lì accade può essere per noi, cittadini dell’Appenino Tosco-Emiliano, di insegnamento fino a coinvolgerci in possibili iniziative comuni.

Armido Malvolti

PARCO DELL’UOMO
Il recupero delle terre incolte.

Avete preso in considerazione solo i terreni terrazzati?
“No, ci interessa anche il recupero e il riutilizzo degli insediamenti, sia nei paesi sul mare che nei borghi in quota. Più che favorire nuove costruzioni, intendiamo rimettere in circolo quelle esistenti. Uno di questi borghi, attorno al Santuario di Montenero, a quota 350, è stato preso in comodato d’uso dal Parco con la stessa formula dei terreni e ristrutturato per essere poi proposto sul mercato come casa vacanza. Dalla Curia abbiamo preso in affitto la foresteria del Santuario e l’abbiamo sistemata dal punto di vista architettonico riportandola ai fasti di un tempo: è diventata un centro polivalente d’incontri di diverso tipo, compresi quelli gastronomici”.
Questa può essere una strada per riportare l’uomo a presidio del territorio?
“Sicuramente e non solo. Così aumenta la potenzialità ricettiva senza caricare ulteriormente i paesi sul mare di nuovi insediamenti alberghieri; trattasi di sistemazioni alternative, in zone tra l’altro molto belle che offrono panorami mozzafiato, ideali per un turista che ama camminare, i cavalli, la mountain-bike. Ma per mantenere o riportare l’uomo su tutto il territorio del Parco abbiamo fatto e faremo anche altre cose. Abbiamo collegato le frazioni alte; lungo il sentiero n. 1 che va da Levanto a Portovenere abbiamo acquistato un’antica trattoria, l’abbiamo ristrutturata e oggi, oltre che punto di ristoro, è un centro di informazione e assistenza del turista; ci siamo fatti carico di mantenere vivi alcuni servizi vitali. Un esempio: a Volastra il Parco ha acquistato l’unica licenza di un negozio di alimentari e la ragazza che lo gestisce non vende solo merci, ma dà anche informazioni, distribuisce materiale illustrativo, svolge in sostanza un ruolo di informatore turistico. Gestire un negozio non è certamente un obiettivo prioritario, ma sono anche scelte come questa che fotografano il Parco come servizio all’uomo”.
Qual è la via migliore per arrivare alle Cinque Terre?
“Si arriva via terra, via mare e in treno. La maggior parte dei turisti, soprattutto i gruppi provenienti dall’estero, si servono del treno e per la mobilità interna utilizzano i servizi del Parco come la carta servizi denominata ‘Cinque Terre card’ che dura un giorno, tre o anche sette”.

Monterosso

A cosa serve questa card?
“Consente un numero illimitato di viaggi sui treni da Levanto a La Spezia; la fruizione dei servizi di mobilità interna sui pulmini del Parco a propulsione elettrica e/o metano; l’accesso a tutti i percorsi pedonali, centri d’osservazione naturalistica, percorsi botanici, aree attrezzate, birdwatching, centri d’accoglienza, internet point, gestiti dal Parco; la consultazione di tutte le pubblicazioni del Parco. Con l’acquisto della carta vengono distribuiti: la mappa dei treni e dei sentieri, l’orario dei battelli, l’elenco dei prodotti e servizi garantiti dal Parco. Esiste anche la Cinque Terre card battelli, che consente un numero illimitato di viaggi sui battelli che svolgono servizio nell’area marina protetta nel tratto Riomaggiore-Monterosso”.
Nelle stazioni di Riomaggiore e Vernazza sono alcuni murales a dare il benvenuto al turista. Di chi sono e cosa rappresentano?
“Sono di Silvio Benedetto e vogliono raffigurare, rendendo loro un doveroso omaggio, i coltivatori, i veri eroi delle Cinque Terre. Uomini e donne che in mille anni hanno costruito e ricostruito oltre otto milioni di metri cubi di muretti a secco con sassi d’arenaria sovrapposti senza uso d’alcun materiale di coesione, creando un paesaggio unico al mondo dove la coltura è cultura”.

UNESCO
Le millenarie terrazze partimonio mondiale dell’umanità.

Le stazioni sono le vere porte d’ingresso al Parco?
“Per noi le stazioni sono centri d’accoglienza. Solo quella di Monterosso era attiva, le altre erano ormai abbandonate. Così abbiamo fatto un accordo di gestione con le Ferrovie, le abbiamo sistemate con la bioingegneria, le abbiamo attrezzate con i servizi necessari, compreso internet, trasformandole appunto in centri di accoglienza per il turista. Oggi i ragazzi delle cooperative gestiscono anche le biglietterie. Centri di accoglienza ne abbiamo uno anche nella stazione di La Spezia e ne attiveremo un altro a Levanto. Il turista che arriva sa che lì c’è un info-point che permette di attivare i servizi di accompagnamento e di dirottamento. Stiamo lavorando a un grande portale per dare in tempo reale la disponibilità alberghiera”.
Cos’è il marchio di qualità e cosa protegge?
“Uno è sui prodotti agricoli, l’altro è il marchio di qualità ambientale sulle aziende di ristorazione, ricettive ed extraricettive. L’adesione al marchio è volontaria, ma, se da una parte comporta il rispetto di un regolamento e la realizzazione in cinque anni di tutta una serie di servizi, dall’altra ti inserisce all’interno della Card, ti porta nelle fiere, ti dà alcuni servizi, ti fa entrare nel circuito della promozione, promozione di qualità. E’ evidente che poi, quando arrivano i turisti, li dirottiamo sulle strutture che hanno aderito al marchio di qualità”.

Corniglia

Cosa significa “promozione di qualità”?
“Innanzitutto che oggi non andiamo più nelle fiere a promuovere i posti letto, bensì a proporre i nostri prodotti e il nostro territorio in fase di ristrutturazione e recupero produttivo. Prodotti che non sono solo vino, ma anche olio, pesto, marmellata di limoni, limoncino e, domani, anche una linea di cosmetici che stiamo studiando in modo molto serio. Poi l’utilizzo dei più moderni mezzi di comunicazione: siamo quasi pronti per proporre sul portale i nostri prodotti, così che potranno essere richiesti via internet. Val la pena di ricordare che già oggi due nostri tipici prodotti, lo sciacchetrà e le acciughe di Monterosso, sono presidi Slow-food”.
Quanto terreno agricolo avete recuperato e quanti posti di lavoro avete creato in cinque anni?
“Circa 40 ettari: una quantità che può sembrare ridicola rispetto alla situazione di abbandono, ma una cifra significativa se la si valuta in proiezione futura. Nelle sei cooperative siamo riusciti a impiegare dai 150 ai 200 giovani: non pochi se rapportati alla popolazione del Parco. Cifre comunque che già indicano un percorso in cui lavorazione, trasformazione e commercializzazione sono gli ingranaggi di un meccanismo che cammina da solo dando risultati economici”.

Manarola

Cos’è l’Università del paesaggio?
“E’ un modo intelligente per interagire con le università e quegli studenti che intendono cimentarsi con il restauro del paesaggio e lo studio delle colture biologiche, partecipando anche a veri e proprio campi di lavoro che permettono di mettere in pratica gli apprendimenti teorici”.
E’ forte il rapporto con il mondo universitario e quello scientifico?
“Assolutamente sì. In questi anni siamo stati al centro del mondo, la stessa Università del paesaggio nasce da precise sollecitazioni del mondo accademico. Diciamo che l’interesse che si è creato attorno a questi luoghi ha contribuito a far conoscere le nostre iniziative e a far conseguire loro buoni risultati. Tutta questa gente che ospitiamo per studio e per svolgere attività pratiche diventa ambasciatrice del nostro progetto nel mondo e contribuisce ad alzare il target culturale del nostro turismo, favorendo l’ingresso di persone che sono già informate a monte sulle sue peculiarità”.

Vernazza

Parlate di privilegiare il turismo culturale: cosa significa?
“Puntare sul turismo di selezione culturale significa non privilegiare un turismo di pura ostentazione. A chi chiede la discoteca e la spiaggia affollata e rumorosa diamo indicazione di accomodarsi altrove. Il turismo di selezione culturale è una sommatoria di tantissime attività che nel loro insieme costituiscono un reticolo. Per fare qualche esempio: il mare, rispettato ancor prima che protetto, è una di queste componenti e nemmeno la principale, poi ci sono il recupero delle tradizioni, le pratiche agricole che incuriosiscono al di là delle finalità produttive, l’enogastronomia, la qualità della vita intesa come riscoperta del vivere a contatto con la natura, ma anche studi innovativi quale quello che stiamo sviluppando sulla naturopatia per calcolare l’incidenza ambientale su alcune forme di neoplasie. Tutto questo messo insieme costituisce una forma di interesse al cui interno c’è la gente stimolata e più viva, che tra l’altro capisce che per visitare un territorio fragile come il nostro occorre quasi mettersi le pantofole”.
A pochi chilometri di distanza ci sono altri due Parchi: quello delle Apuane e il Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano. Sono ipotizzabili forme di collaborazione?
“Diciamo che con ogni probabilità nei prossimi anni ci sarà una modifica degli assetti turistici. Arriveranno turisti da sempre più lontano, desiderosi di conoscere più di un aspetto del paese visitato. Turisti che non cercheranno una sola località dove passare alcuni giorni, ma che pretenderanno pacchetti complessi, contenitori con proposte anche molto diverse tra loro. Non si giustificherebbero 8-10 e più ore di viaggio per soggiornare poi in un solo luogo. Noi già oggi siamo un crocevia internazionale, quindi il modificarsi dei gusti turistici non cambierà di molto i nostri assetti, può diventare comunque interessante anche per noi allargare e diversificare l’offerta. Come farlo se non guardando oltre il Crinale che disegna i confini del nostro Parco?”.

Riomaggiore

Quindi è ipotizzabile l’offerta di pacchetti turistici contenenti le Cinque Terre, le Apuane e l’Appennino?
“Bisogna considerare che, rispetto a possibili paesi di provenienza quali potrebbero essere l’Asia e l’Australia, parliamo di distanze assai contenute, quasi risibili. Quindi approntare e mettere in rete proposte complesse, che contengano il meglio in termini artistici, culturali, paesaggistici, produttivi, enogastronomici e ricettivi di territori diversi, ma geograficamente vicini, può essere vincente in un’ottica di prospettiva. Altrimenti rimangono i campanili... ma da soli servono a poco”.
Ci sono già iniziative in embrione?
“Sì. Abbiamo già attivato una serie di contatti con Parma, Reggio e le stesse Apuane. Ci sono stati incontri, abbiamo fatto convegni, stilato protocolli. E’ chiaro che questo presuppone da parte di tutti la necessità di entrare in una logica nuova anche dal punto di vista organizzativo. Proporre pacchetti articolati può essere relativamente facile, poi però vanno gestiti quotidianamente. Il turista che compra un simile pacchetto pretende di essere seguito, guidato, assistito. Non lo si può abbandonare a se stesso”.
Qualcuno potrebbe pensare che in questo modo si allontanano turisti dal vostro territorio?
“E’ un rischio assolutamente inesistente. Se noi contribuiamo ad allungare le permanenze offrendo visite, itinerari e soggiorni alternativi e integrativi aumentiamo la rotazione, evitiamo il congestionamento e, soprattutto, dato che un cliente soddisfatto e appagato è il miglior promoter che ci sia, inneschiamo un moltiplicatore che farà aumentare il flusso turistico a vantaggio di tutti. Gente porta gente”.
Quindi si tratta di ipotesi su cui lavorare?
“Credo proprio di sì”.

 
   

TUTTOMONTAGNA - Mensile di informazione di appennino e dintorni - Fondato da Mauro Pighini - credits
Copyright © 2004 GOLD STUDIO EDITORE - Tutti i diritti riservati - info@tuttomontagna.it